Stupro Caffarella, nessun terzo uomo. "L'accusa regge"

1' di lettura

Procura e Questura confermano l'impianto accusatorio che ha portato in carcere due romeni con l'accusa di violenza sessuale e rapina. I risultati delle analisi finora svolte, precisano gli inquirenti, sono solo parziali

Non cambia nulla per gli inquirenti. Confermano le accuse che hanno portato in carcere Alexandru Loyos e Karol Racz, entrambi romeni, e spiegano il perchè, in un comunicato congiunto della procura e della questura di Roma. A portare gli investigatori sulle tracce dei due, sono stati proprio i fidanzatini aggrediti la sera di San Valentino al parco della Caffarella. Sulla vicenda è intervenuto anche il sindaco Alemanno che ha dichiarato: "Non dobbiamo fare giustizia sommaria ma trovare i responsabili".

Caffarella, fermati i due presunti aggressori della giovane coppia. Le foto


Parco della Caffarella, il luogo dell'aggressione. Le foto

Leggi tutto