Milano. Uccide il figlio di 10 anni e poi si suicida

1' di lettura

Accoltella il bambino dopo una lite al consultorio di San Donato Milanese, alle porte del capoluogo lombardo. L'uomo, 52enne di origini egiziane, stava incontrando il figlio affidato alla madre italiana

Un incontro familiare si è trasformato in tragedia.
Un uomo di 52 anni di origine egiziana ha accoltellato il figlio di quasi 10 anni, poi ha rivolto l'arma contro di sè e si è suicidato. Teatro della tragedia gli uffici dell'Asl in via Sergnano a San Donato Milanese, comune alle porte di Milano.

Oggi, come ogni settimana, il padre ha incontrato il figlio affidato da quattro anni alla madre, una donna italiana.
Erano gli assistenti dei servizi sociali, che seguivano il caso del minore, a partecipare agli incontri tra padre e figlio. Nessuno, però, era presente nella stanza in cui è avvenuto l'omicidio-suicidio.

Pochi minuti prima delle 17 l'uomo, un operatore turistico in Italia con regolare permesso di soggiorno, ha estratto un coltello che aveva con sè e ha colpito più volte il bambino. Pochi  secondi e ha rivolto la stessa arma contro di sè.

Inutili i soccorsi dei sanitari del 118, mentre i carabinieri sono al lavoro per rintracciare la madre del piccolo e ricostruire il  movente alla base del gesto. I dissidi familiari, secondo gli inquirenti, sarebbero la spiegazione piu' plausibile. Il 52enne non ha lasciato nessun biglietto per motivare l'omicidio-suicidio.

Leggi tutto
Prossimo articolo