Current Tv, la censura viaggia in autobus

I contenuti delle due inchieste Vanguard, La guerra segreta all'Iran e I Martiri della camorra, saranno su Current rispettivamente il 10 e il 18 Marzo alle 23.00
1' di lettura

L'Atac, l'azienda di trasporto pubblico capitolina, ha bloccato sui propri mezzi la campagna pubblicitaria della nuova stagione delle trasmissione Vanguard, il programma di inchiesta dell'emittente televisiva. Via libera, invece dal comune di Milano

di Massimo Vallorani

Due manifesti pubblicitari di Current Tv, il canale televisivo fondato da Al Gore (in onda sul canale 130 di SKY), non saranno esposti sui bus di Roma perché ritenuti "inopportuni". E' questa la decisione presa dall'azienda di trasporto romana che considera le immagini della campagna pubblicitaria "non adatte ad essere apposte sui mezzi pubblici'. Nessun stop, invece, è arrivato per le affissioni sui muri della metropolitana e sui cartelloni pubbliciatari della capitale.  

Al centro del dibattitto le immagini e gli argomenti scelti da Current tv per pubblicizzare il nuovo programma di inchieste Vanguard, programma di punta della nuova stagione in onda dal 10 marzo dedicato al giornalismo d'inchiesta. Il primo avrebbe mostrato una bibbia bucata da tre fori di proiettile accompagnata da una scritta: “Cosa succede quando la camorra entra in Chiesa?”; il secondo, un kalashnikov con una domanda: “Gli Stati Uniti stanno finanziando i terroristi?”. Massimo Tabacchiera, presidente dell'Atac motiva così la scelta: ”Immagini pesanti che avrebbero potuto offendere la sensibilità dei cittadini, peraltro in un momento di grave tensione sociale, e per di più in una città come Roma, che è sede della Chiesa cattolica”.  Tommaso Tessarolo, General Manager di Current Italia, dice: "Non volevamo certo turbare il clima sociale della capitale, ma semplicemente ottenere l'attenzione dei cittadini su temi di attualita' di respiro globale. La decisione del Comune di Roma ci  è sembrata una censura preventiva, che arriva insieme alla giustizia fai-da-te, in perfetto stile pre-Obama".

L'affissione nella capitale sarà preceduta il 26 Febbraio da quella nella metropolitana di Milano, approvata invece dal Comune con le medesime immagini censurate dall'Atac.

Ecco le immagini censurate:



Leggi tutto
Prossimo articolo

le ultime notizie di skytg24