Stupro Roma, uno dei due romeni nega tutto

1' di lettura

Primo interrogatorio per i presunti responsabili della violenza sessuale ai danni di una 14enne nel parco della Caffarella a Roma. Il 36enne Karol Racz sostiene di non essere mai stato sul luogo dell'aggressione

Ha negato tutto Karol Racz, uno dei due romeni ritenuti responsabili dello stupro della ragazzina di 14 anni nel parco della Caffarella a Roma. Nel primo interrogatorio nel carcere di Regina Coeli, Racz si è difeso dicendo di non essere mai stato sul luogo della violenza e sostenendo di avere diversi testimoni che lo possono confermare. Per l'aggressione di San Valentino, è stato fermato anche Alexandru Isztoika Loyos. Il Gip deve decidere ora sulla convalida del fermo. I due erano stati identificati dalla polizia durante i controlli nella baraccopoli di Torrevecchia il 24 gennaio scorso.

 - Sicurezza, tornano le ronde dei cittadini

Leggi tutto
Prossimo articolo