Delitto Fortugno, 4 ergastoli. Giudici contestati

1' di lettura

La Corte d'Assise di Locri ha condannato mandanti ed esecutori dell'omicidio del vicepresidente del Consiglio regionale della Calabria. Carcere a vita per Alessandro e Giuseppe Marcianò, Salvatore Ritorto e Domenico Audino

Quattro ergastoli per il delitto Fortugno. La corte di Assise di Locri ha condannato Alessandro e Giuseppe Marcianò come mandanti dell'omicidio del vicepresidente del Consiglio regionale della Calabria, Salvatore Ritorto come esecutore materiale e Domenico Audino come fiancheggiatore. Fortugno fu ucciso con 5 colpi di pistola il 16 ottobre 2005 a Locri, perché colpevole, secondo i clan, di ripulire la sanità calabrese dalle connivenze con la malavita. "Una sentenza che accende la speranza in tutti i calabresi che aspettano giustizia", ha detto la vedova Fortugno. Giudici contestati in aula.

Leggi tutto
Prossimo articolo