La scuola digitale della Gelmini: il dibattito in rete

1' di lettura

In 3 giorni più di 1500 commenti al video su YouTube che annuncia le materia della seconda prova. Ma nei forum si scaldano gli animi anche sulle pagelle on line e sulle assenze comunicate ai genitori via sms

di Chiara Ribichini

Il canale su YouTube, l’annuncio delle materie della seconda prova dell’esame di stato via Internet, le pagelle on line e le assenze comunicate ai genitori via sms. Il giovanissimo ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini dimostra di essere al passo coi tempi. Sarà l’effetto Obama? Si chiedono in molti. Può darsi. Certo è che proprio lei, accusata dagli studenti dell’Onda e da alcuni docenti di riportare con le sue riforme la scuola indietro di 50 anni, nella comunicazione si distingue per una evidente attitudine alle nuove tecnologie. E in rete si infiamma il dibattito. Più di 1500 i commenti in soli 3 giorni al video su YouTube che annuncia le materie della seconda prova dell’esame di stato. Molti contengono offese e parole irripetibili. Scorrendoli si notano alcune osservazioni ricorrenti, come: “si chiama esame di etato e non più maturità già dal 1998…”. Qualcuno si chiede il perché ora tutte le Istituzioni siano su YouTube, come Tatola 1990, che prosegue domandandosi perché la nostra scuola non è come quella finlandese o francese che introduce gli studenti direttamente nel mondo del lavoro. 

Nei forum c’è chi invita a commentare “il video su Youtube senza insulti sperando che il ministro ci ascolti” e chi si chiede “se la Gelmini sia mai stata ragazza e se all'esame di maturità avrebbe gradito uno sconvolgimento del genere”. Numerosi gli utenti secondo i quali la maturità quest’anno inizierà troppo tardi.  Qualcuno si lancia a dare consigli al ministro, come chemicalbit che invita a rendere il sito del Ministero più chiaro.
E spunta anche qualche commento ironico sui maglioni a collo alto indossati dalla Gelmini, come quello del blog scuola zoo,  L’idea del ministro dell’Istruzione di avviare un confronto con gli studenti per cambiare la terza prova è invece accolta positivamente: “Ottima l’idea della terza prova a risposta multipla. Solo così si può essere obiettivi” scrive melody .
Non da tutti, però. Seya 089 commenta così il video su YouTube: “La nostra opinione avrebbe potuto chiederla anche prima di promuovere il suo decreto, volto a risanare solo le casse dello Stato anziché del sistema scolastico…”. Per l’Unione degli studenti l’apertura del ministro non è altro che la conseguenza del movimento dell’Onda.

In rete si commentano anche le ultime novità annunciate, come le pagelle on line e le assenze comunicate ai genitori via sms. “Nessuno farà più il furbo”, afferma Venere Nera. In molti osservano che l’sms esiste già da tempo. “Ho passato tutto il secondo anno a combattere contro il tempo per prendere il cellulare di mio padre prima che arrivasse l’sms della scuola”, scrive Acid_Left. L’utente Luca A riflette sul fatto che in questo modo “non si instaura un rapporto di fiducia tra genitori e figli”  Qualcuno, infine, ironizza: “Dai ci ho messo anni a imparare la firma di mia madre ah ah ah”, scrive Daviduccioilmigliore.

Leggi tutto
Prossimo articolo