La rete della memoria

Fonte: Ansa
1' di lettura

I principali siti in rete dove poter trovare testimonianze e immagini sulla Shoah. Il 27 gennaio, giornata della Memoria, andrà in onda su SKY Cinema 1e in streaming su SKY.it un film inedito su Anna Frank

di Massimo Vallorani

Il ricordo dei campi di sterminio sopravvive anche su Internet, con i siti dei campi di concentramento, le immagini di quei terribili giorni, con i libri pubblicati on line a disposizione di tutti coloro che vogliono sapere. Ma anche con le pagine dedicate ai film sulla Shoah. Così un viaggio nella Rete può facilmente diventare una vera macchina della memoria.

Ecco un elenco dei principali luoghi della Memoria sul Web in Italia e nel mondo.

Tra i tantissimi siti che possono essere segnalati per la quantità di risorse e informazioni, Remember tiene perfettamente fede al nome e si configura come portale dell'Olocausto. Ben strutturato è anche il Nizkor Project (parola ebraica che significa "Noi ricorderemo"). In queste pagine la puntuale ricostruzione storica serve a raggiungere l'obiettivo dichiarato del progetto: "Controbattere tutte le falsificazioni dell'Olocausto che girano sulla Rete". Infatti il sito si segnala per una confutazione puntuale delle tesi negazioniste. La tragedia e le inenarrabili sofferenze dei sopravvisuti dei lager rivive su internet grazie a zwangsarbeit-archiv.de. Il sito offre ai ricercatori e a tutti coloro che vogliono conoscere la tragedia dei campi circa 600 interviste-testimonianza e racconti in diretta. Ricco di contenuti e soprattutto dei racconti dei sopravvissuti della Shoah è Usc Shoah Foundation Institute. Molto completo è anche Olokaustos.org, il primo sito italiano che ha come argomento la storia dell'Olocausto dal 1933 al 1945.

Sui campi di sterminio nazisti può senz'altro essere utile partire da una mappa ragionata dei lager e sul loro collocamento geografico in Europa. Informazioni sui luoghi della Shoah si trovano in 20th Century History che, sui diversi lager, mette on line documenti e informazioni storiche. In rete ci sono, poi, i siti dedicati ai singoli campi: Auschwitz, Dachau, Mathausen e molti altri lager sono ricordati attraverso testimonianze e immagini dei sopravvisuti. Molto utile il sito An Auschwitz Alphabet, un vero e proprio glossario delle parole e delle espressioni più usate nei campi di sterminio. Ne esiste anche una versione in italiano.

Più che le parole, sull'Olocausto parlano le immagini. Efficace è la parte fotografica del sito ebraico Shamas. Immagini, ma dei campi oggi, si trovano nel sito Guenica.net. Decisamente inquietanti gli scatti tratti dall'archivio on line del museo dell'Olocausto di Gerusalemme Yad Vashem.

Per una ricerca sui luoghi della memoria italiani in rete si può partire da quello dell'Aned, (Associazione nazionale ex deportati politici nei campi nazisti), dove si possono trovare notizie sui lager, una cronologia e varie informazioni sulle iniziative dell'associazione. Ultimamente, è stata aperta anche una pagina sul social network Facebook. Sempre su Facebook è stata creata una pagina dedicata alla giornata della memoria 2009

La Rete non poteva dimenticare Anna Frank, colei che è per antonomasia la voce dell'Olocausto e infatti i siti dedicati alla giovane perseguitata sono tantissimi, comprese le pagine di omaggio di persone di ogni parte del mondo. Fra i siti istituzionali va segnalato quello della Casa di Anna Frank. In quattro lingue (purtroppo non in italiano) questo sito fa percorrere la vita dell'autrice del famoso diario. E ulteriori informazioni su Anna e il suo diario si possono trovare su Anna Frank Center Usa dove si trova una biografia completa corredata di foto. Il sito più completo rimane, comunque, quello dell' Anna Frank Internet Guide dove si trova veramente tutto ciò che serve su Anna Frank.

In rete si trovano anche le testimonianze di Primo Levi, lo scrittore torinese sopravvisuuto ad Auschwitz e morto suicida nel 1987. La sua testominianza sui campi di sterminio può essere ascoltata attraverso le sue parole nel documentario "Ritorno ad Auschwitz. Ricordo di Primo Levi, girato nel 1982 e diretto da Daniel Toaff. In rete si può ascoltare anche "Se questo è un uomo".

IL DIARIO DI ANNA FRANK
Un film inedito prodotto dalla BBC in onda in esclusiva
Martedì 27 gennaio alle 21 su SKY Cinema 1 e su SKY Cinema HD
ed eccezionalmente in streaming su www.sky.it

Leggi tutto