Caso Englaro, Sacconi: "Non mi lascio intimidire"

1' di lettura

"Assurdo che questo atto sia stato trattato in una dimensione penale. Questa si che è un'intimidazione, ma io non sono un tipo che si fa intimidire"

Nessun ripensamento, nessun passo indietro. Il ministro della Salute va per la sua strada, nonostante sia finito nel registro degli indagati per la sua presa di posizione sul caso di eluana englaro, da 17 anni in stato vegetativo permanete. Maurizio Sacconi da Londra, dove ha incontrato il suo omologo britannico, non nasconde il suo stupore: "è stato un atto di governo doveroso, ha detto, è assurdo che sia stato attratto in una dimensione penale, ma io non sono un tipo che si fa intimidire".

Leggi tutto
Prossimo articolo