Scuola. Nasce la tv web dei precari

1' di lettura

Dopo il via libera definitivo al decreto sull’università continuano le iniziative per dire “basta al precariato di Stato”.


In molti si sono chiesti se l’Onda, il movimento di studenti e ricercatori nato contro il decreto Gelmini, sarebbe resistito alla pausa natalizia. Ci si è chiesti se le mobilitazioni e i cortei sarebbero andati avanti anche dopo il via libera della Camera alla “riforma” del ministro dell’Istruzione.

Una prima risposta a questi quesiti arriva dalla Rete nazionale dei precari che il giorno dopo la Befana ha lanciato una nuova iniziativa: una tv web che ha lo scopo di fare “contro informazione” sui temi dell’istruzione.

Appuntamento in Rete ogni mercoledì alle 21 con la rubrica “Un mercoledì da precario”; dibattito via webcam tra i partecipanti e chat in diretta.
Nel frattempo nelle scuole in precari gireranno muniti di badge con su scritto "docente precario - Primo anno d'insegnamento: AAAA - Si sta come a scuola, sulle cattedre i professori precari", “docente di ruolo solidale - sono stato precario per N anni", oppure "docente di ruolo solidale – basta con il precariato di Stato".

Questi insegnanti, spiegano dalla Rete nazionale, "sono in servizio anche da più di vent'anni, hanno superato un concorso oppure una selezione a numero chiuso per abilitarsi tramite le scuole di specializzazione biennali e post universitarie".
E’ grazie ai precari che la scuola va avanti, “eppure ora, con i tagli voluti dal governo, molti insegnanti a tempo determinato rischiano di restare a piedi”.

Ecco gli auguri che alcuni docenti hanno inviato ai politici, al mondo dell’informazione, ai cittadini.

Leggi tutto
Prossimo articolo