Napoli, 24enne ucciso a Capodanno: accusata figlia di boss

1' di lettura

Si tratta di Manuela Terracciano, incensurata, figlia di un capo della Camorra. Lei nega ogni responsabilità, ma sarebbe sua la mano che ha esploso il colpo letale per il coetaneo Nicola Sarpa. "Non ho mai sparato", ha detto al suo legale

Manuela Terracciano, incensurata, figlia di un boss della Camorra si è costituita. Lei nega ogni responsabilità, ma sarebbe sua la mano che ha esploso il colpo letale per il coetaneo Nicola Sarpa ucciso da un proiettile vagante la notte di San Silvestro. "Sono innocente non ho mai sparato", ha fatto sapere la giovane tramite il suo legale che ha precisato: "Conosceva Nicola ed è rimasta frastornata dalla successione degli eventi, prima dalla morte del giovane, poi dalle accuse nei suoi confronti".

Leggi tutto
Prossimo articolo