Tangenti e petrolio: in manette l'ad di Total

1' di lettura

Lionel Levha è stato arrestato nell'ambito di un'inchiesta della procura di Potenza per tangenti sugli appalti per l'estrazione del greggio in Basilicata. Coinvolto anche il deputato del Pd Salvatore Margiotta

E' destinata a fare rumore la nuova inchiesta del pm di Potenza Henry John Woodcock. In manette è finito l'ad della Total Italia, Lionel Levha, mentre per il deputato del Pd e leader del partito in Basilicata, Salvatore Margiotta, è stata richiesta l'autorizzazione agli arresti domiciliari. Sono accusati, insieme ad altre 8 persone, di associazione a delinquere finalizzata a corruzione e turbativa d'asta, in pratica il solito giro di tangenti tra politici, amministratori locali ed imprenditori per truccare appalti, in questo caso quelli relativi ai lavori di estrazione petrolifera in Basilcata.

Leggi tutto
Prossimo articolo