Gioielliere ucciso, fermato un sospetto

1' di lettura

Si tratta di un 26enne rumeno, trovato in possesso di gioielli di gran valore, risultati di proprietà di Francesco Lenzi. La presunta refurtiva era in una valigia che l'uomo aveva dimenticato sul treno per Milano

Su di lui gravano pesanti sospetti, tanto che la procura di Roma ha emesso nei suoi confronti un'ordinanza di custodia cautelare con l'accusa di omicidio volontario e rapina. E' un cittadino rumeno ed ha 26 anni, che il giorno dell'assassinio di Francesco Lenzi, il gioielliere trucidato nella sua casa di Acilia, è partito su un treno alla volta di Milano. Sceso dal convoglio per pochi minuti a Bologna, non è riuscito a risalire e la sua valigetta è stata successivamente recuperata dalla polizia su sua denuncia. All'interno gioielli di gran valore, risultati di proprietà del commerciante ucciso.

Leggi tutto
Prossimo articolo