Studenti in piazza, è guerra di cifre

1' di lettura

Tre cortei a Roma: "Siamo in duecentomila". Invaso il centro, assedio pacifico alla Camera. Il fronte sindacale si spacca: la Cgil accusa la Cisl: errore grave non essere al corteo

Il giorno dopo la piazza, la biblioteca. Si lavora alacremente alla Sapienza: studenti professori e ricercatori ad una proposta di riforma dell'univerità, sulla base delle soluzioni adottate all'estero, da presentare al ministro entro lunedì. Mentre i gruppi di studio discutono resta l'eco della piazza dello strappo tra i sindacati, con la Cgil che dal palco ha accusato la Cisl d'aver commesso un grave errore sottraendosi al corteo. Si discute anche sulle cifre: 200 mila per gli organizzatori, prima 100 mila, poi 30 mila per la questura.

Leggi tutto