Antitrust, maximulta da 845mila euro a Trenitalia

1' di lettura

L'Authority ha individuato cinque pratiche scorrette, tra cui troppa discrezionalità per il riconoscimento dei bonus, omissioni informative sul programma di fidelizzazione della Cartaviaggio, posti e sconti poco chiari sulle tariffe agevolate

L'Antitrust ha sanzionato Trenitalia per pratiche commerciali scorrette con multe complessive pari a 845 mila euro, per cinque pratiche scorrette individuate. Nel caso dei treni in ritardo, c'è troppa discrezionalità per il riconoscimento dei bonus. Quanto alle tariffe agevolate ci sono pochi posti e sconti poco chiari. Poi c'è la denominazione scorretta di Eurostar e Eurocity, omissioni informative sul programma di fidelizzazione della Cartaviaggio, call center troppo costosi.

Leggi tutto
Prossimo articolo