Stasi: "Non voglio il processo"

1' di lettura

L'unico indagato per l'omicidio di Chiara Poggi dice che si sentirebbe "perseguitato se si andasse avanti in un'unica direzione" e si augura che sia accolta la richiesta di archiviazione inoltrata dai suoi legali

"Con un processo mi sentirei perseguitato". Alberto Stasi non nasconde il suo desiderio che la chiusura delle indagini significhi l'archiviazione richiesta dalla difesa. E' "Il Giorno" che pubblica le parole dell'unico indagato per l'omicidio di Chiara Poggi. Stasi dice che "si sentirebbe perseguitato se si andasse avanti in un'unica direzione". "In quel caso", continua il ragazzo nelle dichiarazioni riportate dal quotidiano, "dovrei pensare che non mi avrebbero creduto nemmeno se fossi stato ripreso da una telecamera mentre ero in casa mia, mentre qualcuno uccideva Chiara".

Leggi tutto
Prossimo articolo