Giovane ucciso a Milano. Gli aggressori: Legittima difesa

1' di lettura

All'esame degli inquirenti le immagini registrate da telecamere di una banca. I due fermati si difendono: "E' stata legittima difesa"

A Milano è cominciato l'interrogatorio dei due fermati, padre e figlio, per l'omicidio di Abdul Guiebre ucciso a sprangate vicino la stazione centrale. Il Pm ha chiesto la convalida del fermo per omicidio volontario, ma la difesa dei baristi che hanno aggredito e provocato la morte del ragazzo sostiene che si sia trattato di legittima difesa e che il razzismo non c'entri.

Leggi tutto
Prossimo articolo