Salerno non ha più paura della bomba, via l'ordigno bellico

1' di lettura

Tempi più rapidi del previsto per le operazioni di disinnesco del residuato della seconda guerra mondiale trovato la settimana scorsa nella zona alta di Salerno. Oggi nei quartieri della zona rossa la situazione tornerà alla normalità

E' cominciato il trasferimento, a bordo di due camion invece dei tre previsti, della spoletta e dell'esplosivo nella cava alla periferia della città: secondo il prefetto, Claudio Meoli, entro le 14.30 tutto il lavoro sarà concluso, e subito dopo comincerà il ripristino delle utenze, elettricità, acqua e gas nella "zona rossa" sgomberata martedì, che comprende 1.030 appartamenti e anche due chiese, rimaste forzatamente chiuse. A partire dalle 16,30 verranno rimosse le transenne, e dunque i 5mila cittadini evacuati martedì potranno rientrare nel perimetro rimasto vuoto in questi giorni.

Leggi tutto