Suocero di De Rossi forse ucciso per uno sgarro

1' di lettura

Arrestati i due presunti killer di Massimo Pisnoli: un sardo di 48 anni e un siciliano di 40 legati all'ambiente delle rapine e del traffico di droga. Le modalità del delitto e i collegamenti fra i pregiudicati coinvolti ricordano la banda della Magliana

Sarebbero stati un sardo di 48 anni e un siciliano di 40, entrambi legati all'ambiente delle rapine e del traffico della droga, ad aver ucciso Massimo Pisnoli, suocero del calciatore della Roma, Daniele De Rossi. L'11 agosto il corpo dell'uomo era stato trovato nelle campagne di Aprilia crivellato di colpi da arma da fuoco. Calzoncini e maglietta, una collanina d'oro con un ciondolo, il volto sfigurato dai proiettili. Le modalità del delitto, che risaliva ad almeno una settimana prima , insieme ai collegamenti fra i pregiudicati coinvolti ricordano la banda della Magliana.

Leggi tutto
Prossimo articolo