Roma, rinvio a giudizio per 20 ultras di Lazio e Roma

1' di lettura

Tutti gravitano attorno ad una formazione di estrema destra. La Procura di Roma ha ipotizzato l'esistenza di una vera associazione a delinquere. Gli accusati avrebbero pianificato e portato a termine diverse azioni violente

La Procura di Roma ha ipotizzato l'esistenza di una vera associazione a delinquere e per questo ha chiesto il rinvio a giudizio per venti persone accusate degli assalti alle caserme di Roma dopo la morte del tifoso laziale Gabriele Sandri, dell'aggressione agli spettatori di sinistra al concerto della Banda Bassotti a Villa Ada e della progettazione di atti di violenza contro le forze dell'ordine, le tifoserie ostili e la sinistra antagonista. Gli accusati gravitano tutti attorno ad una formazione di estrema destra, quattordici tra di loro si trovavano già agli arresti.

Leggi tutto
Prossimo articolo