Carnevale di Ivrea, le arance si trasformano in energia rinnovabile

La tradizionale "battaglia delle arance" del Carnevale di Ivrea (Getty Images)
2' di lettura

Centinaia di tonnellate saranno inviate al polo ecologico di Acea Pinerolese. Gli agrumi della tradizionale "battaglia" verranno utilizzati per il riciclo in diversi settori

Dopo tre giorni di battaglia, le arance del Carnevale di Ivrea si trasformano e trovano una nuova "vita" sotto forma di energia rinnovabile e soluzioni green.

Il riciclo degli agrumi

Centinaia di tonnellate di agrumi, protagonisti dello storico Carnevale della città piemontese di Ivrea, diventeranno compost ed energia rinnovabile. Al termine della battaglia, le arance sono state raccolte e inviate al Polo ecologico di Acea Pinerolese, in provincia di Torino, dove la loro trasformazione diventerà effettiva in una vasta operazione di riciclo.

Il modello di Acea Pinerolese

L'impianto di trattamento dell'organico sviluppato da Acea Pinerolese è un modello unico al mondo, che integra un sistema di digestione anaerobica del rifiuto organico al compostaggio aerobico, si ottiene così compost di qualità, pronto per la concimazione in agricoltura e nei vivai. 

Biometano per le auto

Il compost sarà sfruttato nel settore agricolo, ma il riutilizzo delle arance non si ferma qui. Dal biogas interamente ricavato durante la prima fase di digestione anaerobica si ricaverà infatti energia elettrica e termica rinnovabile, ma anche biometano. Nel 2014 l'impianto di Acea Pinerolese è stato il primo in Italia a produrre biometano dai rifiuti organici per l'introduzione in rete e per alimentare le automobili.

La tradizione del riciclo

Quello del riciclo degli agrumi usati durante la celebre manifestazione di piazza della "battaglia delle arance", che quest'anno ha visto la partecipazione di oltre 42 mila persone, sta diventando ormai una virtuosa tradizione. Il compost prodotto con le arance del 2017, è in vendita in questi giorni presso lo stand ufficiale del Carnevale di Ivrea al Villaggio Arancio della città.

Leggi tutto
Prossimo articolo