Australia: squalo salta in una barca, ferito il pescatore

Uno squalo nell'Oceano Pacifico (Foto di repertorio - Getty Images)
2' di lettura

Terry Selwood, 73 anni, si stava godendo la sua battuta di pesca quando l'animale lungo 2,7 metri è piombato sull'imbarcazione, ferendolo

 

Terry Selwood, un pescatore australiano di 73 anni, è stato assalito da uno squalo lungo 2,7 metri, che è saltato all'interno della sua barca di 4,5 metri. L'episodio è avvenuto mentre l'uomo, impegnato in una battuta di pesca, si trovava al largo di Evans Head, sulla costa settentrionale del New South Wales, nell'Australia orientale. Selwood è rimasto ferito durante l'incontro ravvicinato ma, in un'intervista, ha definito l'accaduto "una cosa di poco conto".

La vicenda

Il pescatore ha raccontato che l'animale, una volta salito a bordo, ha iniziato a muoversi per raggiungerlo. Il pescatore, scaraventato sul fondo della barca dalla pinna dello squalo e ferito, non è riuscito a raggiungere l'arpione per ucciderlo. "Stavo perdendo molto sangue, ero stordito. Non riuscivo bene a capire cosa stesse succedendo e allora ho pensato 'Oh mio Dio, devo subito uscire di qui". Il pescatore ha dunque avvertito la Guardia Costiera con una ricetrasmittente portatile, che lo ha salvato dallo squalo di 200 kg, che è rimasto a bordo dell'imbarcazione. La carcassa dell'animale è stata poi recuperata ore dopo.

“Una cosa di poco conto”

Dopo aver trasportato Selwood in ospedale, il Department of Primary Industries ha rimosso lo squalo dalla barca e lo ha portato presso l'ufficio di Wollongbar, dove sono stati confermati età, genere e peso. Il pescatore ha affermato di non aver mai vissuto un’avventura simile in 60 anni di pesca, ma questo non gli impedirà di tornare a esercitare la sua attività. "È solo una cosa di poco conto che è successa e ormai è passata, è solo qualcosa da ricordare", ha dichiarato al Guardian.

Squali, balene e reti

Le autorità avevano provato ad affrontare il problema degli attacchi degli squali con delle apposite reti, installate nei pressi di cinque spiagge, fra cui Evans Head. Nella giornata di lunedì, però, il governo del New South Wales ha deciso di interrompere l'iniziativa quattro mesi prima del previsto perché nelle reti finivano spesso altre specie: dei 153 animali marini bloccati, soltanto cinque erano squali delle specie scelte come obiettivo del progetto. L'aumento del numero di esemplari ritrovati morti nelle reti ha spinto il governo ad accantonare momentaneamente il progetto, anche per non intralciare la migrazione verso nord delle balene, che avviene proprio in questo periodo dell'anno. Come ha dichiarato il ministro del Department of Primary Industries, Niall Blair, una decisione definitiva verrà presa più avanti, dopo un confronto con gli studiosi e con la popolazione.

Leggi tutto