A Taiwan sarà vietato mangiare carne di gatto e cane

Per i trasgressori previste multe fino a 250mila dollari taiwanesi (foto di repertorio - Getty Images)
3' di lettura

La decisione nasce dall'incremento delle adozioni di questi animali domestici. Per i trasgressori, multe fino a 250mila dollari taiwanesi, poco più di 7mila euro. Inasprite anche le pene conro i maltrattamenti

A Taiwan non si mangerà più carne di cane né di gatto. Infatti, alla luce delle revisioni dell'Animal Protection Act, il Paese asiatico sarà il primo del continente a vietare il consumo di questi animali. La decisione nasce dall'incremento delle adozioni di cani e gatti come animali da compagnia e per i trasgressori sono previste multe fino a 250mila dollari taiwanesi (circa 7.654 euro), come riporta “The Guardian”.

 

Cosa prevede la legge

L'Animal Protection Act non prevede pene solo per chi consumerà la carne di cani o gatti, ma anche sanzioni per gli atti di crudeltà sugli animali o per la loro macellazione: in questi casi si può arrivare fino ai due anni di prigione e a una multa da 2 milioni di dollari taiwanesi (circa 61mila euro). Per vietare i maltrattamenti la legge prevede inoltre che i possessori di cani e gatti non possano portarli a passeggio mentre sono alla guida di uno scooter o di un'auto. La legge prevede anche la gogna pubblica per i trasgressori, con tanto di nomi e foto resi pubblici dal governo. Nel 2001 Taiwan aveva già vietato la vendita di carne di cane e gatto e in alcune amministrazioni locali ne era stato anche vietato il consumo.

 

Gli animali della presidente

In attesa che il presidente firmi la legge, che potrebbe essere attuata entro fine aprile, il progetto fa già molto discutere. La carne di cane non è consumata in ampia quantità in Asia, ma è comunque un ingrediente di alcune cucine regionali. La carne di gatto invece è usata raramente e proprio questo animale è molto amato dalla presidente di Taiwan Tsai Ing-wen, ritratta spesso in compagnia dei suoi due felini. Inoltre, la sua passione per gli animali, l'ha portata ad adottare tre cani da guida ormai in pensione. Negli altri Paesi asiatici la situazione è differente: ad Hong Kong macellazione e vendita di carne di gatto e cane erano state vietate già sotto il dominio britannico, mentre alla fine del 2016 all'interno del mercato Moran di Seongnam, il più grande della Corea del Sud, è stato annunciato il divieto per la macellazione a scopo alimentare della carne di cane. Tutt'altra storia in Cina, dove una volta all'anno, in occasione del Festival della carne di cane a Yulin, circa 10mila cani vengono uccisi e mangiati nella città. L'occasione è diventata un momento di ritrovo e di protesta delle associazioni animaliste.

Leggi tutto