Orsi e lupi in pericolo in Alaska, progetto di legge per la caccia

Un esemplare di orso bruno (Getty Images)
1' di lettura

È stato approvato dal Senato americano un testo che consente ai predatori di agire anche nei parchi nazionali. Tale disegno arriva ora sul tavolo del presidente Donald Trump che può trasformarlo in legge

Numerosi esemplari di specie protette potrebbero presto tornare a essere cacciate nei parchi naturali dello Stato dell'Alaska. È questo lo scenario che si apre dopo la votazione del Senato degli Stati Uniti sul progetto di legge che di fatto smantella il divieto di andare alla ricerca di questi animali - imposto nell'era della presidenza di Barack Obama - su 76 milioni di acri (30,7 milioni di ettari) di territorio appartenenti al demanio federale.

 

La firma di Donald Trump - Dopo il voto favorevole della Camera dei Rappresentanti, che lo scorso 17 marzo aveva approvato il disegno di legge con 225 voti favorevoli contro 193 contrari, il via libera del Senato apre di fatto la strada all'ultimo passaggio necessario per arrivare alla legge vera e propria: la firma presidenziale. Sarà quindi Donald Trump a decidere se la nuova legislazione, sponsorizzata da gran parte del Partito Repubblicano, cancellerà l'"Alaska National Wildlife Refuges Rules", il pacchetto di leggi anticaccia attualmente in vigore. Con la nuova norma, approvata in Senato con 52 voti a favore contro i 47 contrari, si potrebbe ritornare a tattiche aggressive di "controllo predatorio" come quelle che consentono di sparare agli orsi e ai lupi dagli aeroplani e di uccidere i cuccioli dentro le loro tane.

 

Cosa potrebbe cambiare - Stando alle regole attuali, l'esercizio del cosiddetto "controllo predatorio" non è consentito nei 16 rifugi nazionali della fauna selvatica presenti in Alaska. La legge prevede tre eccezioni. La legislazione corrente, inoltre, pone un espresso divieto ad alcuni specifici metodi di caccia delle specie protette dell'Alaska; come l'uccisione di cuccioli d'orso o di esemplari femmina con i cuccioli e la cattura degli orsi attraverso reti e trappole. Infine, è proibita una delle più discusse forme di aggressione, quella che prevede di sparare agli orsi e ai lupi dagli aerei.

Leggi tutto