Raccolta e riciclo dei rifiuti urbani, l'Italia va troppo piano

La raccolta differenziata in Italia non ha ancora raggiunto il target previsto per il 2011 (Fotogramma)
1' di lettura

Le statistiche presentate dall'Ispra nel proprio annuario dei dati ambientali mostrano un progresso lento. I DATI

Il contenimento della produzione dei rifiuti urbani in Italia prosegue. E l'aumento della raccolta differenziata  cresce, a ritmi però ancora al di sotto delle aspettative: nel 2015 la produzione pro capite è stata di 487 chilogrammi di rifiuti per abitante, in leggero calo rispetto ai 488 del 2014. Lo rivelano i dati presentati il 6 dicembre dall'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra).

 

La produzione di rifiuti urbani – Nel 2015 la quantità di rifiuti urbani prodotti non ha subito forti variazioni: con poco meno di 30 milioni di tonnellate il dato risulta in calo rispetto all'anno precedente di un modesto 0,4%. Il dato sulla produzione di rifiuti pro capite continua a mostrare valori diversi nelle tre macroaree della Penisola: si va dai 494 chili per abitante prodotti al Nord ai 543 del Centro, ai 444 del Sud. L'Italia, comunque, non è fra i Paesi europei che producono più rifiuti in rapporto alla popolazione. Le statistiche presentate da Eurostat lo scorso novembre, aggiornate al 2014, mostrano infatti come siano Danimarca, Svizzera e Germania ad aver prodotto più rifiuti urbani pro capite. In generale, tanto sono più alti il Pil pro capite e il turismo, scrive Eurostat, maggiore è la produzione di rifiuti urbani. Va comunque precisato che, sul totale dei rifiuti prodotti, quelli urbani costituiscono circa il 10% nella media Ue.

 

La differenziata migliora, ma non basta – In tutte le macroaree geografiche italiane la raccolta differenziata ha compiuto alcuni passi avanti. La media nazionale passa al 47,5% dei rifiuti urbani prodotti nel 2015, dal precedente 45,2%. Nel dettaglio, la raccolta si colloca nel Nord a 8 milioni di tonnellate, nel Centro a 2,9 milioni di tonnellate e nel Sud a 3,1 milioni di tonnellate; in rapporto ai rifiuti prodotti si parla, rispettivamente, di una raccolta differenziata al 58,6% (+ 1,9% rispetto al 2014), al 43,8% (+ 3%) e al 33,6% (+2,3%). Un miglioramento che, sottolinea l'Ispra, non si avvicina ancora agli obiettivi previsti per il 2011, fissati al 60% di rifiuti raccolti in modo differenziato.

 

Fra riciclo e discarica – Il riciclo dei rifiuti urbani nel 2014 ha raggiunto una quota del 44,6%, ricorda l'Annuario dei dati ambientali Ispra; fra questi oltre un terzo (39%) è rappresentato dal riciclaggio di scarti organici, mentre un ulteriore 27% è relativo al recupero di carta e cartone. Nel quadro europeo, i primi della classe in questa materia sono Germania, Austria e Belgio; l'Italia, sempre secondo i dati Eurostat, si trova invece in undicesima posizione, davanti alla Francia. Ed è ancora la discarica, infine, la modalità gestione dei rifiuti più diffusa: nel 2014 il 31,5% dell'immondizia è stata smaltita in questo modo.

Leggi tutto